Varese, da stagione fallimentare a possibile trionfo (parte 2) - Obiettivo FIBA Cup!

 di Alessandro Palermo  articolo letto 1089 volte
Varese, da stagione fallimentare a possibile trionfo (parte 2) - Obiettivo FIBA Cup!

Nella giornata di ieri (lunedì 21 marzo) vi ho raccontato della chance -seppur complessa- di centrare i PlayOff da parte della Pallacanestro Varese. Classifica alla mano, con sei gare ancora da giocare, l'ottava piazza valevole per la post-season dista soltanto due lunghezze. Quindi a Varese basterebbe, si fa per dire, vincerne quattro per sperare in un qualcosa che, fino a qualche settimana fa, nessuno ci avrebbe mai lontanamente pensato. Anzi, a dir la verità in molti ancora, nonostante ci sia una discreta percentuale di successo, credono che questo traguardo non possa mai essere raggiunto dalla Openjobmetis. Effettivamente le prossime partite saranno davvero dure per la brigata di Coach Moretti: Avellino, Pistoia, Venezia, Cremona, Reggio Emilia e Cantù, non sono di certo partite semplici, tutt'altro. Ma nella vita, specie nello sport, nulla è impossibile. Comunque sia vorrei passare oltre, ecco perchè ho deciso di spezzare il mio Editoriale in "parte 1" e "parte 2", per differenziare al meglio i due diversi obiettivi dei biancorossi: i PlayOff, appunto, e la FIBA Europe Cup.
Varese, quest'anno ma non solo, è stata attaccata, criticata, fischiata, disprezzata e potrei andare ancora avanti per molto ma mi fermo qui. I tifosi ne hanno dette di tutti i colori su giocatori ma in primis sulla società. Ed io qui, mi permetto di aggiungere: giustamente, in alcuni casi hanno fatto bene. Che la società abbia commesso qualche grave errore è palese e sotto gli occhi di tutti, forse lo sanno persino loro stessi. Ma andiamo oltre perchè credetimi che di criticare o di accusare non ne ho proprio voglia, non è il momento e non è nemmeno giusto farlo perchè questa Varese, in fin dei conti, ci ha azzittiti tutti. Per essere un po' meno educati, potremmo dire che Daniele Cavaliero e compagnia bella, ce l'hanno messa... in quel posto. Sono riusciti ad azzittiri tutti i "criticoni" con dei buoni risultati. Poi, certo, la (tristissima) prima parte di stagione non si dimentica e non gli verrà dimenticata... però, intanto...

Varese, contro tutti e tutto, è ancora in corsa su due fronti: PlayOff e FIBA Cup.
Dunque, per questo motivo, l'Openjobmetis può e deve provare a tornare grande anche in Europa. Nessuno chiederà mai a questa modesta squadra di tornare ai fasti di un tempo, nessuno chiederà a questi umili ragazzi di giocare dieci finali consecutive di Coppa Campioni, nessuno. Gli stiamo chiedendo soltanto di provare a vincere questa coppa che tutti inizialmente denigravano ma che, ora come ora, fa gola a tanti. Perchè alzare un trofeo in Europa è pur sempre una cosa meravigliosa. Dunque -in conclusione- perchè non provare a vincere in Europa, proprio nella stagione del settantesimo anniversario di questa gloriosa società?

Editoriale a cura di Alessandro Palermo