Champions League - Oldoini: “Contro Ostenda dovremo cavalcare le nostre certezze”

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 87 volte
Champions League - Oldoini: “Contro Ostenda dovremo cavalcare le nostre certezze”

È di nuovo tempo di Basketball Champions League! I lupi si preparano alla trasferta contro i belgi di Ostenda, a pari punti in classifica con gli irpini nel gruppo D. Il match, valevole per il 10° turno della Regular Season, avrà luogo mercoledì 10 Gennaio alle ore 20:30 e potrà essere seguito in diretta su Eurosport Player e sul portale www.livebasketball.tv. A presentare la sfida europea è l’assistant coach biancoverde Massimiliano Oldoini:

 

Inizio con una premessa riguardo il match contro Bologna, associandomi alle parole di coach Sacripanti e ringraziando quindi i giocatori per la bella prestazione, concreta e solida. Ringrazio anche il pubblico, che ci ha spinto per tutti i 40  minuti e che si è rivelato fondamentale. La cosa più importante, per quanto riguarda il nostro cammino, sarà lavorare tutti insieme per poterci migliorare ogni giorno.

Contro Ostenda sarà una partita importante perché una vittoria ci permetterebbe di fare un ulteriore balzo in avanti verso un’ipotetica qualificazione, andando sul 2-0 nei confronti diretti con loro, dato che i belgi hanno, proprio come noi, 13 punti in classifica nel gruppo D. Abbiamo a disposizione solo un allenamento per preparare questa partita: dovremo quindi essere abili a cavalcare quelle che sono le certezze che abbiamo in questo momento.  Parlando di Ostenda, che in casa ha perso una sola volta fino ad oggi, contro Besiktas, è una squadra che, insieme all’Aris, ha le stesse nostre vittorie e sconfitte (4/5). I belgi giocano una pallacanestro molto equilibrata e disciplinata: in quest’ultimo periodo hanno aggiunto un giocatore d’esperienza come Jagodic nello spot di 4, che può essere un ulteriore punto di riferimento nel loro sistema. Sebbene in attacco non producano molti punti (71 punti di media), cercano sempre di trovare soluzioni all’interno dei giochi, cercando di giocare di sistema e di coinvolgere tutti e 5 i giocatori: tutto parte dai playmaker Djordjevic e Mihailovic, che dal pick and roll possono creare situazioni vantaggiose sia per i tiratori che per i lunghi”.